Informazioni relative al bollino ambientale austriaco

Dal 01/01/2015, in Austria è stato introdotto un bollino ambientale obbligatorio per tutti gli autocarri che desiderano entrare in una delle zone ambientali austriache, indipendentemente dal tipo di carburante e dalla massa massima consentita. Questo si applica anche a tutte quelle automobili che vengono registrate come veicolo di tipo N1 per avere delle agevolazioni fiscali (un elenco delle automobili di tipo N1 è reperibile qui).

Il bollino ambientale austriaco (denominato anche bollino delle emissioni nei testi giuridici, o Umwelt-Pickerl in austriaco) è disponibile in 6 diversi colori, in base alla categoria EURO, e deve essere richiesto per ogni veicolo. I colori disponibili, a partire dalla categoria EURO 1 fino alla categoria EURO 6, sono nero, rosso, giallo, verde, blu e viola. Il bollino riporta le ultime 5 o 6 cifre del numero del telaio e viene punzonato in base al tipo di veicolo e di carburante.

La P indica la presenza di un filtro antiparticolato, la M un tipo di veicolo M, la N un tipo di veicolo N, la D i veicoli a diesel, la B i veicoli a benzina e la A i veicoli ad alimentazione alternativa. I bollini hanno le dimensioni 50 mm x 100 mm.

Il bollino non è trasferibile e non può essere utilizzato contemporaneamente per più veicoli. Ogni veicolo infatti necessita di un proprio bollino ambientale. Il bollino non scade e non deve essere sostituito, a meno che non si cambi il motore o non vengano effettuate delle modifiche. Questo significa che, anche in caso di sostituzione della targa, il bollino ambientale austriaco non perde la sua validità.

In linea generale, bisogna distinguere i tipi di veicolo obbligati ad avere il bollino ambientale Umwelt-Pickerl per entrare in una zona ambientale austriaca e chi, invece, decide di acquistarlo volontariamente.

Il bollino ambientale austriaco può essere assegnato a quei veicoli che rispondono ai requisiti della normativa EURO. Pertanto, attualmente, tutti i tipi di veicolo, compresi automobili e autobus, possono richiedere un bollino. Anche i mezzi che hanno installato successivamente un filtro antiparticolato possono ottenerlo. In questo caso, però, sul bollino saranno punzonate sia la P sia la categoria EURO corrispondente.

I veicoli che non hanno diritto ad un bollino ambientale, possono richiedere una deroga valida nella città alla quale si vuole accedere.

I conducenti dei mezzi per i quali vige l'obbligo di bollino ambientale, ma che in caso di controllo ne siano sprovvisti, possono incorrere in sanzioni elevate.